MERAVIGLIOSA- dal 10 settembre la nuova produzione TSS!

Image

SLOVENSKO STALNO GLEDALIŠČE/ TEATRO STABILE SLOVENO

in collaborazione con SiTi Teater BTC

 

 

Jure Karas

MERAVIGLIOSA

 

produzione: Slovensko stalno gledališče/ Teatro Stabile Sloveno e SiTi Teater BTC

 

Per trovare il sorriso nella tragedia e la poesia nell’ordinario quotidiano.

Perché siamo tutti sulla stessa barca

 

Jure Karas

 

 

La stagione del Teatro Stabile Sloveno prosegue. Settembre è di solito il mese dell’apertura ufficiale della campagna abbonamenti, ma quest’anno sarà diverso. La lunga chiusura dei teatri a livello nazionale ha imposto infatti una riprogrammazione dei contenuti previsti, portando a un prolungamento della stagione 2020/2021 che proseguirà fino a novembre, quando avrà inizio la nuova stagione. Nei prossimi due mesi debutteranno infatti due nuove coproduzioni che appartengono al programma della stagione ancora non completata.

La prima è la commedia musicale Meravigliosa, prima assoluta di un nuovo testo dell’autore sloveno Jure Karas sul tema dell’imposizione di modelli di successo da imitare a tutti i costi per apparire vincenti.  Lo spettacolo, una collaborazione con il SiTi Teater BTC di Ljubljana, andrà in scena il 10 settembre sul palco principale del TSS a Trieste, con sovratitoli in italiano.

»Meravigliosa« parla della bellezza unica e insolita di ogni persona, indipendentemente dagli standard sociali e dalle aspettative degli altri. La protagonista è una single, strana di natura e perchè la vita l’ha posta davanti a una prova difficile. I membri della sua famiglia hanno all’apparenza una vita più »normale«: un lavoro, una famiglia. Tuttavia non esiste persona senza debolezze visibili o nascoste, nevrosi legate anche al modo di vivere del mondo moderno, dove in un attimo puoi essere vincitore o sconfitto e dove sembra necessario mantenere standard globalmente riconosciuti sia nella vita professionale che in quella privata.

Una festa in famiglia, rappresentata dallo spettacolo nella forma di una commedia con interpolazioni canore e coreografiche, diventa lo specchio del nostro quotidiano: Vita è sotto osservazione con la sua stravaganza, ma effettivamente anche tutti gli altri ospiti, con le loro vite »veloci«, non sono da meno e sono ciascuno a proprio modo, cronicamente soli. La solitudine è secondo l’autore Jure Karas uno dei sintomi del mondo che verrà. Ha scritto infatti: »Il nostro tempo ci sprona tanto a “trovare la propria strada” e a “realizzare la propria vita seguendo i propri desideri” da far sembrare poi vuota la strada che ognuno di noi percorre verso la realizzazione di se stesso. Come se l’individualismo e la solitudine andassero a braccetto.”

La produzione è stata messa in scena dalla regista Tijana Zinajić, che per la prima volta collabora con il teatro triestino. Il ruolo principale viene interpretato dalla versatile e briosa attrice Vesna Pernarčič, che ha un rapporto speciale con il pubblico del TSS essendo stata per diversi anni una delle attrici di punta della sua compagnia stabile. Compongono il cast anche Primož Forte, Franko Korošec, Tina Gunzek, Urška Bradaškja e il musicista Joži Šalej.

Lo spettacolo andrà in scena fino al 26 settembre a Trieste, mentre il 27 sarà in programma la recita per l’abbonamento a Gorizia. Gli spettacoli serali avranno inizio alle ore 20. Il teatro raccomanda di arrivare in anticipo, dato che le nuove regole impongono non soltanto la misurazione della temperatura corporea, ma anche la verifica del green pass. Durante gli spettacoli rimane valido l’obbligo di indossare la mascherina chirurgica o fpp2. Sono confermate le navette bus per le repliche della domenica pomeriggio.

In occasione della prima di venerdì, alle ore 19.00, nell’atrio del teatro verrà inaugurata una nuova mostra dal titolo Palčič 80, con la quale l’Unione Culturale Economica Slovena e il Teatro Stabile Sloveno intendono rendere omaggio a Klavdij Palčič per il suo ottantesimo compleanno. Il pittore, scultore, scenografo e illustratore triestino ha firmato nella sua carriera l’immagine di diversi spettacoli del TSS. La mostra è stata realizzata da Peter Furlan e Andrej Pisani.

 

 

Jure Karas

MERAVIGLIOSA

 

regista: Tijana Zinajić

 

Costumi: Matic Hrovat

Scene: Neža Zinajić

Coreografie: Anja Möderndorfer

Consulenza musicale: Joži Šalej

 

CON

Primož Forte

Franko Korošec

Tina Gunzek

Urška Bradaškja

Vesna Pernarčič

Joži Šalej (pianoforte)

 

PRIMA E REPLICHE

venerdì  10 settembre, ore 20.00 – turno A1

sabato  18 settembre, ore 20.00 – turno B1

domenica   19 settembre, ore 16.00 – turno C1 nell’ambito di Slofest

venerdì  24 settembre, ore 20.00- turni A2, A3

sabato  25 settembre, ore 20.00 – turni B2, B3

domenica   26 settembre, ore 16.00 – turni C1, C3

Sala principale

lunedì 27 settembre, ore 20.00 – Kulturni dom Gorizia

con sovratitoli in italiano

 

Testo alternativo

foto: @SSG/ Agnese Divo

Testo alternativo

PALČIČ 80

L’Unione Culturale Economica Slovena e il Teatro Stabile Sloveno intendono rendere omaggio a Klavdij Palčič per il suo ottantesimo compleanno, anniversario che si riferisce al 2020, ma celebrato solo ora a causa della pandemia.

Klavdij Palčič rappresenta idealmente il raccordo tra l’organizzazione di riferimento della comunità slovena in Italia e la principale istituzione teatrale slovena in Italia. Se infatti da una parte l’artista, scultore, scenografo e illustratore triestino ha compiuto parte del proprio ricco percorso creativo sui palcoscenici, collaborando anche a rilevanti produzioni del Teatro Stabile Sloveno di Trieste, dall’altra parte non si può non citare il suo impegno civile. Da presidente dell’Unione Culturale Economica Slovena ha impresso all’organizzazione un segno indelebile.

Il presente hommage espositivo vuole quindi essere espressione di gratitudine da parte della comunità slovena non solo per la produzione artistica di Klavdij Palčič, ma anche per il suo operato civile.

La vernice di questa rappresentazione antologica dell’opera dell’artista triestino si svolgerà venerdì 10 settembre alle ore 19 nel foyer d’ingresso del Kulturni dom. La mostra sarà visitabile fino a dicembre. I curatori sono Peter Furlan e Andrej Pisani. In occasione dell’esposizione verrà pubblicata una brochure bilingue contenente un saggio del critico Joško Vetrih e uno scritto di Marjan Kravos.

L’evento è prodotto dall’Unione Culturale Economica Slovena (SKGZ) e dal Teatro Stabile Sloveno (SSG) con i contributi della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, del Ministero della Repubblica di Slovenia per gli sloveni nel mondo e con il patrocinio del Comune di Trieste. Il progetto Palčič 80 è parte del programma dello Slofest 2021.

Piškotki nam omogočajo, da analiziramo promet in delovanje naše spletne strani. Nastavitve piškotkov za našo spletno stran lahko kadarkoli spremenite. Zapri in nadaljuj