Vladimir Bartol/ Simona Hamer

QUALCOSA NELL’ARIA (AL ARAF)

Prima: 20 gennaio 2023

Vladimir Bartol/ Simona Hamer

QUALCOSA NELL’ARIA (AL ARAF)

Regia

Anđelka Nikolić

Dramaturg
Simona Hamer
Costumi
Mateja Čibej
Scene
Anđelka Nikolić
Musiche
Igor Zobin
Coreografie
Bojana Robinson
Trucco
Tina Lovrič
Luci
Jaka Varmuž
Consulenza linguistica
Martin Vrtačnik
Foto
Luca Quaia
Un ringraziamento speciale al prof. Miran Košuta

Con

Primož Forte
Anton Jedliček
Nikla Petruška Panizon
Ilonka Jedliček
Jernej Čampelj
Leopold Stieglitz
Igor Zobin
Musicista

ABBONAMENTO BASE

Una società basata sul capitalismo, sulle nevrosi derivate dal timore di perdere i privilegi garantiti da un certo status sociale, l’abuso di potere sul posto di lavoro, il precariato, il mobbing sono i temi della nuova produzione del Teatro Stabile Sloveno dal titolo Qualcosa nell’aria, che debutterà venerdì 20 gennaio al Ridotto del TSS.

I contenuti appaiono attuali, ma lo spettacolo è l’adattamento di un racconto da una raccolta scritta dall’autore triestino Vladimir Bartol negli anni ’30 del secolo scorso. La drammaturga Simona Hamer ha tratto infatti il testo da Causa prima, ultimo capitolo della raccolta dal titolo Al Araf (1935), nella quale Bartol esplora in un’ampio ventaglio di stili e generi i dubbi dell’uomo nel difficile periodo tra le due guerre mondiali.

Al Araf è nel Corano il confine tra il bene e il male, così come i contenuti della raccolta mostrano, secondo le parole dell’autrice dell’adattamento, »l’affinità dello scrittore con un conglomerato artistico di misticismo, filosofia e storia”. I riferimenti esotici del titolo sono un elemento caratterizzante della poetica di Bartol che alcuni anni più tardi darà alle stampe il suo capolavoro, il romanzo Alamut.

Elementi fantastici, filosofia, psicoanalisi, amore trovano spazio nei racconti di Al Araf, tra i quali lo spettacolo mette in luce i diversi livelli di lettura di un episodio dall’apparenza leggera, quasi da vaudeville. Narra infatti le vicende di un classico quadrilatero amoroso tra un imprenditore, sua moglie, la segretaria e un consulente aziendale. I banali intrecci sentimentali sono soltanto la facciata dei reali intenti dell’autore che vuole aprire una riflessione sulle forze esterne che orientano e manipolano le azioni e le vite di ciascuno. Qualcosa nell’aria è infatti quel fattore invisibile di natura economica, politica o sociale, che influisce su tutte le scelte, anche quando sembrano prese liberamente. I valori fondamentali sono condizionati da questo misterioso meccanismo che muove i protagonisti dello spettacolo come fossero marionette. I coniugi benestanti Anton e Ilonka Jedliček, il consulente Leopold Stieglitz e la segretaria Vera vivono infatti nel timore di perdere la posizione raggiunta, il ruolo riconoscibile conquistato nei rapporti professionali e privati.

Il testo originale considera una struttura sociale ancora fortemente conservatrice, nella quale la donna ha un posto ben delimitato, quindi è particolarmente interessante il fatto che regia e adattamento siano stati firmati da due donne del nostro tempo. Collabora per la prima volta con il teatro triestino la regista belgradese Anđelka Nikolić, che in questa produzione internazionale firma anche le scene, mentre è alla sua seconda collaborazione con il TSS Simona Hamer, pluripremiata autrice teatrale e dramaturg slovena. Nei ruoli dei quattro protagonisti di questo spettacolo ci sono gli attori Primož Forte, Nikla Petruška Panizon, Jernej Čampelj Sara Gorše.

I costumi dell’ambientazione anni ’30 di Qualcosa nell’aria sono di Mateja Čibej, le coreografie di Bojana Robinson, le luci di Jaka Varmuž. Le musiche originali sono state composte e verranno eseguite dal vivo durante lo spettacolo dal musicista triestino Igor Zobin.

In occasione dei 120 anni dalla nascita di Vladimir Bartol, il Teatro Stabile Sloveno con questo spettacolo renderà omaggio allo scrittore e pubblicista triestino di fama internazionale, ricordando al tempo stesso la sua abituale frequentazione di questo teatro, del quale all’epoca ha documentato l’attività con le sue recensioni.

 

BUS NAVETTA

SPETTACOLI DOMENICALI CON INIZIO ALLE 16.00

Orari e fermate

BUS NAVETTA- SISTIANA- DOMENICA 22 GENNAIO

14.30 – Sistiana, parcheggio
14.40 – Aurisina, in piazza
14.45 – Santa Croce, fermata dell’autobus
15.00 – Sgonico, davanti al municipio
15.15 – Prosecco, incrocio (fermate degli autobus)

 

BUS NAVETTA- OPICINA-DOMENICA 29 GENNAIO

14.55- Opicina, fermata dell’autobus Strada per Vienna 11/A (pizzeria da Rino)

15.00 –Opicina, via di Basovizza 21
15.10 – Trebiciano, monumento
15.15 – Padriciano, davanti alla chiesa
15.20 –  Basovizza, davanti alla chiesa

 

BUS NAVETTA- MUGGIA-DOMENICA 29 GENNAIO

15.00– Muggia, stazione autobus
15.05 – Zaule, fermata dell’autobus
15.10 – Domio, davanti al centro culturale
15.15 – Dolina, davanti al municipio
15.20 – Bagnoli, davanti al teatro Prešeren
15.25 – San Giovanni in bosco, fermata dell’autobus
15.30 – San Giuseppe della chiusa (Barde), fermata dell’autobus

Piškotki nam omogočajo, da analiziramo promet in delovanje naše spletne strani. Nastavitve piškotkov za našo spletno stran lahko kadarkoli spremenite. Zapri in nadaljuj