Vladimir Bartol

ALAMUT. IL SEGRETO DELLA FORTEZZA. DIETRO LA MASCHERA DEL POTERE

Vladimir Bartol

ALAMUT. IL SEGRETO DELLA FORTEZZA. DIETRO LA MASCHERA DEL POTERE

Regia

Claudio de Maglio

Musiche di scena
Paki Zennaro
Scene
Claudio, Andrea Mezzelani
Consulenza culturale
Naiem Abdulrazak
Disegno luci
Stefano Chiarandini
Costumi
Emmanuela Cossar
Consulenza arti marziali
Luca Galardini
Service tecnico
OnStage di Andrea Saccomano
Produzione
Civica Accademia d'Arte Drammatica Nico Pepe
Partners istituzionali
Comune di Udine, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Ministero della Cultura e il prezioso sostegno di Fondazione Friuli

E’ in arrivo il nuovo il nuovo spettacolo della Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe “Alamut. Il segreto della fortezza. Dietro la maschera del potere”.

Per la prima volta lo spettacolo sarà replicato a Trieste al Teatro Stabile Sloveno il 7 novembre (ore 20.00). Sotto la guida di Claudio de Maglio il nutrito cast di allievi attori (in scena se ne conteranno ben 31) si confronta con  la messinscena teatrale, con drammaturgia originale, liberamente ispirata al bellissimo e avvincente romanzo “Alamut” dello scrittore sloveno Vladimir Bartol in cui si raccontano le vicende del persiano Hasan Sabbah (definito da Umberto Eco «affascinante, mistico e feroce») fondatore di una setta di derivazione dall’ismailismo sciita nota con il nome di “Assassini” e conosciuta in occidente grazie ai racconti di Marco Polo e Odorico da Pordenone. L’imprendibile rifugio della setta era il castello di Alamut a 1800 metri sul livello del mare, detto il “Nido dell’Aquila”, situato sulla catena dell’Elburz in Persia. Da lì partivano i sicari per le loro missioni di morte dalle quali sapevano che non sarebbero ritornati vivi, ma che accettavano in cambio di una presunta salvezza eterna. La contemporaneità dei temi è attestata da un affresco della natura del potere che, per raggiungere i propri scopi, manipola le coscienze dei giovani, ricorrendo all’inganno per ottenere i propri risultati, esercitando in maniera anche violenta e cinica la coercizione. La narrazione procede incalzante come in una grande epopea shakespeariana, regalando momenti di poesia e forte tensione drammatica.

Il romanzo “Alamut”, considerato il capolavoro di  Vladimir Bartol (1938) prelude al dramma del secondo conflitto mondiale e individua una inquietante rappresentazione del potere che utilizza l’inganno e la finzione, per manipolare la realtà a proprio favore.

L’iniziativa condivisa con Vettori Ultramondo si avvale del sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia (Bando Eventi e festival ), dei partner  – il Teatro Stabile Sloveno di Trieste, il comune di Cormons, il comune di Gorizia, l’Istituto per gli Incontri Culturali Mitteleuropei, la Società Filologica Friulana.

 

Informazioni: Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe, largo Ospedale vecchio 10/2 0432.1276911, mail : [email protected]; www.nicopepe.it, facebook/ accademianicopepe.

 

Piškotki nam omogočajo, da analiziramo promet in delovanje naše spletne strani. Nastavitve piškotkov za našo spletno stran lahko kadarkoli spremenite. Zapri in nadaljuj